Tonon__DSC3052

Tonon__DSC2890

Tonon__DSC2880

Tonon__DSC2963

Tonon__DSC3025


“Caseificio Tonon: una storia in continuo fermento”

Questa storia comincia così, in uno scantinato di Quinto di Treviso, con due tinozze piene di latte e il fuoco per scaldare l’acqua di filatura.
I primi clienti sono le pizzerie di Treviso, e la mozzarella viene “testata” direttamente nella pizzeria di famiglia, che in passato era stata un trattoria ben avviata dalla signora Bruna, moglie di Tarcisio. Un po’ alla volta, il giro si allarga alle pizzerie della vicina costa adriatica, a Jesolo. Tarcisio si alza alle tre del mattino e finisce le consegne alle dieci di sera.
I tini da riempire di latte non sono più due, e lo spazio è poco.
La stagionalità del consumo di mozzarella è in quegli anni molto marcata: l’estate è il momento della mozzarella, mentre la produzione del latte è più alta d’inverno. Da queste considerazioni nasce un’idea di quelle che possono fare la differenza: perché non “stoccare” maggiori quantità di prodotto d’inverno per poi commercializzarle d’estate?
Si, la mozzarella però è un prodotto fresco, non si può stagionare, si deve consumare entro poco tempo. Cominciano così gli esperimenti con la surgelazione, già dalla fine degli anni ’70.
Tentativi che portano il Caseificio Tonon ad essere il primo in Italia ad occuparsi di taglio e surgelazione di mozzarella e – successivamente – di prodotti lattiero-caseari.
Questa geniale intuizione porterà in seguito a relazioni commerciali con l’estero e con le maggiori industrie alimentare produttrici di piatti pronti surgelati.
Nel frattempo il Caseificio Tonon si è guadagnato uno spazio nuovo – oltre che uno proprio nel mercato della mozzarella – anche nel territorio. Infatti, nel gennaio del 1979 viene inaugurato il nuovo stabilimento di Zero Branco, successivamente rinnovato ed ampliato nel 1988, nel 1998 e nel 2008.

* gruppo2_small

Oggi, dopo più di trent’anni di ostinata difesa dell’ingrediente “qualità” dalle tentazioni del mercato, si può dire che il Caseificio Tonon, ora passato nelle mani dei figli di Tarcisio e Bruna, rappresenta una voce originale nel panorama della produzione lattiero-casearia veneta e nazionale.